Chi siamo – Lions Club – Distretto 108 IB4

Chi siamo

L’ “International Association of Lions Clubs” oggi conta oltre un 1.450.000 associati, in 210 Paesi; è la prima Associazione di servizio del mondo, come tale riconosciuta anche dalle Nazioni Unite. Ma quando è nata, ad opera di chi, e perchè?

Era il 1917: un giovane assicuratore di Dallas, Melvin Jones, fece una riflessione: “sono convinto che non si potrà andare molto lontano se non si comincia a fare qualcosa per gli altri”. Da questo semplice pensiero nacque la nostra Associazione, che qualche anno dopo si dotò di un motto, ancora oggi rappresentativo della nostra missione: “We Serve”, cioè servire la comunità.   Pochi mesi dopo, l’8 ottobre 1917, fu convocata la prima Convention, a Dallas, dove vennero stabiliti i princìpi fondanti della nuova Associazione; fu scelto un emblema, al centro la lettera “L”, contornata dal profilo di due leoni: uno rivolto all’indietro, per ricordare di imparare dal passato, e l’altro che guarda al futuro. Fu coniato l’acronimo L.I.O.N.S., ovvero: “Liberty, Intelligence, Our Nation’s Safety”, cioè Libertà, Intelligenza, Sicurezza della nostra Nazione. Nella Convention dell’anno successivo, svoltasi a Saint Louis, Missouri, furono varati quelli che da sempre sono considerati i cardini dell’Associazione: il “Codice dell’Etica” e gli “Scopi del Lionismo”.

Nel giro di pochi anni l’Associazione si espanse in Canada, Australia, Nuova Zelanda, Portorico; quindi negli Stati del’America Centrale e Meridionale. Dopo la seconda guerra mondiale, nel 1948, il Lionismo sbarcò in Europa: nel giro di pochi mesi nacquero i primi Club Lions in Svezia, Svizzera e Francia.

Nel 1968 è stata costituita la “Lions Clubs International Foundation – LCIF”  per dare maggiore impulso alla Missione del Lions Clubs International e poter sostenere i progetti dei Lions. Nel 2017 la LCIF raggiunge il traguardo di 1 miliardo di USD assegnati per le attività umanitarie dei Lions.

 

Il Lionismo in Italia. Il primo Club fu sponsorizzato dal L.C. Lugano nel 1951; fu denominato “Lions Club Milano”; oggi i soci sono circa 40.500.

In origine il Lionismo fu un fenomeno sostanzialmente elitario: si cercava di accogliere nei Club importanti personalità dell’industria, della diplomazia e di altri settori della società civile e militare. L’attività dei Club era di tipo benefico-assistenziale:era un “Lionismo di risposta”, che subì una costante evoluzione fino agli anni settanta, quando divenne “Lionismo di proposta”. Ciò significò una svolta culturale e operativa del Lionismo Italiano: si dette più importanza alla disponibilità al servizio che allo status sociale dei Soci. L’impegno dei Lions si rivolse sempre più verso l’individuazione dei bisogni e delle carenze della collettività, e quindi alla ricerca delle possibili soluzioni. Il tutto in collaborazione con la Pubblica Amministrazione, fungendo da stimolo, affinchè le Istituzioni si prendessero carico dei problemi evidenziati dai Lions, e quindi proseguissero affiancando i Lions in tali iniziative. L’indirizzo odierno è teso verso la riscoperta dei valori della solidarietà e della tolleranza, come si evince dalle migliaia di service portati a termine dai Club italiani, sempre più spesso di concerto con le Amministrazioni Pubbliche.

 

Chi sono dunque i Lions oggi? Sono uomini e donne liberi, che si associano e si riuniscono volontariamente, rispettosi della dignità umana, con un senso di comprensione, di solidarietà, di amicizia, di aiuto reciproco. Ci si rivolge ai bisogni del territorio, ma non solo, perché gli interventi dei Club italiani oggi spaziano in tutti i continenti; sono presenti, da soli, in gruppi o in sintonia con le strutture mondiali dell’Associazione, dove c’è bisogno di curare la vista o vaccinare i bambini contro il morbillo, aprire pozzi di acqua potabile o assistere con tempestività le vittime di calamità naturali. In altre parole, si adoperano per individuare e avviare alla soluzione i problemi connessi alla qualità della vita.

 

 

 

Condividi su

 

 

Scroll to top